fbpx

Uno dei fattori che vengono presi in considerazione quando si decide se e come affrontare un intervento di Chirurgia Plastica e/o Estetica è il costo.

La sensibilità verso questo tema è assolutamente legittima e tutt’altro che irrilevante: in termini generali infatti i costi non possono essere definiti irrisori e per di più le forbici di prezzo tra un Professionista e l’altro possono variare considerevolmente.

Al giorno d’oggi la Medicina, come tutte le attività professionali, è spesso affrontata con dinamiche commerciali anche aggressive, che puntano proprio sull’elemento più attrattivo: “il prezzo”. La chirurgia plastica non fa accezione.

Ogni Paziente dovrebbe quindi disporre degli strumenti adatti a valutare con sufficiente cognizione di causa:

  • quali elementi prendere in considerazione nel momento in cui si trova a dover scegliere tra più Professionisti;
  • quali sono i fattori che determinano il costo a carico del professionista di un intervento chirurgico;
  • quali sono i fattori il cui costo può essere compresso – a fini commerciali – senza pregiudicare la qualità dell’intervento (e la salute del paziente);
  • cosa ci si deve aspettare dal proprio Professionista di fiducia;

Perché il punto non è trovare dei nomi, quello è facile. Il punto è iniziare a selezionare alcuni nomi e poi, tra essi, selezionare il Chirurgo Estetico più giusto per le proprie esigenze.

Il punto è, come sempre, saper valutare:

  • cosa è informazione
  • cosa è marketing
  • cosa è proposta commerciale

SCEGLIERE IL PROFESSIONISTA, COSA CONSIDERARE

Autorevolezza

Cosa fa di un Professionista, un professionista autorevole? Quali sono i criteri da considerare per attribuire ad un dato medico la giusta “caratura”?

  • Titoli

Il primo dato da verificare è che il professionista sia laureato in Medicina e Chirurgia e dunque iscritto all’Ordine dei Medici. Questo è il requisito minimo richiesto per legge per lo svolgimento di qualunque tipo di trattamento medico, anche per una semplice “punturina”!
La specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica costituisce elemento di valore aggiuntivo e consacra il Professionista come Specialista.

  • Ruoli Ospedalieri/Accademici

Verifica se il chirurgo ha lavorato o lavora presso un’importante struttura pubblica o universitaria, o se addirittura è Professore e responsabile di un Corso Universitario.

Le capacita tecniche e la memoria muscolare necessarie per attuare un intervento chirurgico di alto livello sono molto simili a quelli usati dai musicisti per raggiungere la perfezione. Se ad esempio un pianista professionista suonasse solo poche volte alla settimana, la mancanza di pratica verrebbe inevitabilmente percepita nella sue performance. E se il chirurgo plastico non ha la possibilità di praticare quotidianamente quello che ha imparato durante il suo percorso formativo il risultato, purtroppo, si rispecchierebbe nel corpo e nel viso dei suoi pazienti.

  • Aggiornamenti

Anche in Chirurgia Plastica, l’aggiornamento costante sulle ultime novità è determinante. Per essere uno Professionista veramente bravo, non è sufficiente avere un’esperienza pluridecennale. Se il medico non sente l’esigenza di aumentare le proprie conoscenze attraverso seminari, corsi di aggiornamento e conferenze sia in Italia che all’estero, rischia di usare sempre le solite tecniche obsolete e invasive.

  • Affiliazioni a società scientifiche di comprovato valore

La gran parte dei chirurghi plastici sono iscritti a specifiche associazioni di categoria che ne verificano le credenziali. L’Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica) è l’unica associazione cui aderiscono solo Chirurghi che si dedicano esclusivamente o principalmente alla chirurgia estetica: per diventare soci è necessario passare attraverso una rigida selezione. Fra i requisiti, la verifica di una significativa esperienza nel campo della chirurgia plastica e di una caratura etica garantita dalla conoscenza di almeno due membri di Aicpe.

  • Pubblicazioni scientifiche

Mettere in discussione le proprie esperienze sui palcoscenici scientifici di congressi e meeting nazionali ed internazionali dà la possibilità al chirurgo di verificare le proprie esperienze e teorie e di ricevere la cosiddetta “validazione scientifica” di altri autorevoli specialisti internazionali.

Credibilità

“Non è tutto oro quel che luccica”, ma ci sono sicuramente degli elementi utili per capire se il medico al quale stiamo pensando di affidarci sia realmente tanto valido quanto appare.

  • Sede e dotazioni

Innanzitutto un Professionista che si definisca tale non può prescindere dal prestare la sua opera in un ambiente idoneo a tale scopo. Uno studio ben curato, pulito, spazioso, mantenuto sempre all’avanguardia per quanto concerne le dotazioni, è essenziale.
Sedazione e anestesia totale possono essere praticati solo nelle cliniche o nei day-surgery autorizzati, è dunque buona norma verificare che la struttura dove opera il Professionista sia riconosciuta dall’Azienda sanitaria locale e di conseguenza dalla Regione.

  • La Sicurezza del Team

E’ importante che il Chirurgo Estetico abbia una propria equipe, stabile e collaudata. Un Chirurgo che ha la sua struttura e la sua equipe, infatti, è un Professionista che si circonda di altri Professionisti, dall’Anestesista alla Segretaria, nei quali ripone la massima fiducia e ai quali demanda con serenità la realizzazione di alcuni steps pre-, intra- e post-operatori.
Il lavoro di un Chirurgo dipende anche dalla squadra ed un team affiatato è un team che si propone di migliorare costantemente i propri risultati.

  • Case history

In Italia i chirurghi non sono obbligati, come negli Stati Uniti, a rendere pubblici i dati relativi al numero degli interventi eseguiti come primi operatori o come assistenti, ma alcuni professionisti li riportano nel proprio sito internet o comunque saranno felici di mettervi a parte del volume della loro esperienza durante il colloquio conoscitivo.

  • Materiali

Un bravo chirurgo plastico non avrà problemi a fornire nome, marca, targhetta identificativa ed altre informazioni circa il materiale che utilizza, sia esso un filler per combattere le rughe, che una protesi impiantabile al seno. E’ un diritto del paziente chiedere ed ottenere queste informazioni sia prima che dopo l’intervento chirurgico e serve decisamente a semplificare le cose in caso di eventi avversi futuri.

  • Valore Aggiunto

Prima dell’intervento il paziente, per legge, deve essere sottoposto ad alcuni esami pre-operatori (principalmente esami ematici ed elettrocardiogramma).
Il Chirurgo che dà la possibilità di eseguire parte o tutti gli esami previsti presso la sua clinica, è un Professionista in grado di offrire un valore aggiunto considerevole al trattamento.

Chirurgia plastica, costo e prezzo. Da cosa dipendono.

Capita spesso che alcuni pazienti chiedano prima di tutto il prezzo di un intervento di chirurgia plastica senza aver fatto la visita preliminare e quindi senza conoscere il tipo di intervento adatto a loro.

E’ importante capire come non sia possibile confrontare il prezzo di un intervento in modo esatto con quello eseguito da amici o parenti. Ogni situazione necessita di un approccio chirurgico disegnato e ritagliato su misura.

I prezzi variano in rapporto all’entità ed alla difficoltà dell’intervento da effettuare, alla tecnica scelta, alla durata, al tipo di clinica e all’onorario dell’equipe chirurgica che può avere grandi variazioni da un Professionista ad un altro.

Di fronte allo stesso problema, diversi chirurghi possono proporre soluzioni completamente differenti e non è detto che la soluzione migliore sia la più costosa, ma nemmeno necessariamente la più economica.

Il preventivo, in sostanza, è sempre personalizzato e, per la sua definizione, è indispensabile la visita preoperatoria.

Inoltre, le strutture sanitarie hanno costi diversi nelle varie città perciò non è possibile definire dei prezzi standard se non con un ampio range di variazione.

Il prezzo giusto di un intervento di chirurgia estetica dipende quindi da molti fattori e deve comprendere:

  • la clinica e la sala operatoria, comprese le eventuali notti di degenza e tutti i farmaci somministrati durante l’intervento ed il ricovero;
  • Il materiale speciale, se l’intervento lo prevede (come ad esempio le protesi mammarie nella mastoplastica addittiva);
  • l’anestesista e l’equipe operatoria: assistenti, infermieri ecc;
  • l’onorario del Chirurgo;
  • il costo delle visite anestesiologiche e chirurgiche, delle medicazioni e dei controlli post-operatori.

Un alto standard di cure non può venire offerto a un prezzo troppo basso.

Alcuni, praticano prezzi molto bassi perché, non rinunciando al loro guadagno, risparmiano su ciò che costituisce il core dell’intervento: la clinica, l’anestesista, l’assistente, i materiali ecc.

La realtà è che certi costi non possono essere abbattuti se non a scapito della qualità del trattamento e quindi della salute del paziente.

Allo stesso modo se il prezzo supera una media ragionevole, è giusto pretendere una spiegazione convincente. Potrebbe significare che ci si trovi di fronte un Chirurgo che fa del prezzo esagerato un elemento distintivo nel tentativo di trasmettere l’idea che prezzo alto sia sinonimo di sicurezza e qualità.
E’ il caso di certi Chirurghi che passano più tempo nei salotti bene o in tv di quanto ne passino nei congressi o in sala operatoria.

La bravura di un chirurgo plastico non è direttamente proporzionale alla sua esposizione mediatica.

IL VALORE DA ATTENDERSI

Anche la scelta di un Chirurgo Plastico è “questione di feeling”!
Le sensazioni che si hanno di persona sono fondamentali e nessuno dovrebbe affidarsi a chi non ispiri la più completa fiducia, anche a costo di consultare due o tre Professionisti (senza esagerare per non confondersi le idee).
Fiducia e reciproco rispetto danno la possibilità al paziente di poter parlare apertamente delle proprie preoccupazioni e dei propri dubbi.

Per questo è importante capire se accanto all’uomo di scienza c’è un essere umano capace di empatia, di capire i problemi del paziente e di aiutarlo a risolverli.

La prima visita è un momento fondamentale proprio per capire il tipo di Medico al quale ci si sta affidando.

  • Non bisogna avere timore di fare domande.
  • Fare domande e pretendere risposte chiare e complete.
  • Il bravo Chirurgo sarà sempre felice di rispondere e spiegare.

Non solo, il buon chirurgo plastico sa ascoltare, consigliare e in qualche caso anche sconsigliare, informando il paziente su ogni aspetto dell’eventuale intervento ed accompagnandolo ad una scelta consapevole.
Diffidare di chi ha il bisturi facile.
Il Chirurgo non deve vendere un trattamento, ma trovare il modo migliore per dare un risultato.

Uno dei compiti principali del Chirurgo è infatti quello di spiegare in modo semplice ma completo, benefici, vantaggi, limiti e possibili complicazioni dell’intervento, dedicando al colloquio tutto il tempo necessario.

Il bravo Medico è disponibile a dedicare tempo ed attenzioni, prima e dopo l’intervento!

In conclusione

Nella scelta del Chirurgo Plastico, è importante considerare diversi fattori e non basarsi unicamente sul prezzo o sulle offerte speciali. Bisogna ricordare che tutti possono comprare un annuncio pubblicitario o un posto nella trasmissione televisiva più in auge al momento, ma questo non è garanzia di qualità.

Infine, oltre ai titoli e all’esperienza del Chirurgo, sono fondamentali anche la sua personalità, il senso di responsabilità, l’onestà intellettuale e tutte quelle caratteristiche umane che un vero professionista DEVE avere.

Alessandro Gualdi, 1 giugno 2016

PER UN CONSULTO CON IL DOTT ALESSANDRO GUALDI È POSSIBILE CONTATTARE LO STUDIO IN MILANO, PIAZZALE BIANCAMANO N. 2

 

WhatsApp chat